ECOBONUS 110%: Gli infissi rientrano? Cos’è la cessione del credito?

venerdì 20 novembre 2020

( Foto di Alena Koval e Tatiana da Pexels )




Partiamo chiarendo subito, che l'ecobonus 110% del 2020, non rende i lavori IMMEDIATAMENTE gratuiti, almeno che non si decida di cedere il proprio credito a una azienda disponibile ad acquistarlo ad esempio ad una banca. (più sotto vi abbiamo riportato un esempio concreto).


L’ecobonus 110% finalmente è stato approvato ed è stato chiarito che gli infissi rientrano con un proprio importo specifico, ma a condizione che accompagnino uno dei lavori “trainanti”, ( cambio caldaia e/o cappotto) e che insieme ad essi si ottenga una miglioria di almeno due classi energetiche superiore a quella pre-esistente ( quindi, per esempio passando da una classe energetica "G" ad una classificazione energetica "E").


SOLO IN QUESTI CASI E SOLO SE RIENTRANO NELLA CASISTICA DEI SOGGETTI AMMESSI dall’ l'ECOBONUS 110% prevista dalla legge, se rispettano i parametri di costo previsti, tali lavori ( compresi gli INFISSI) possono essere rimborsati ( piu’ che interamente) dallo Stato in 5 anni sotto forma di credito di imposta: ossia non pagando le imposte sul proprio reddito per l’importo corrispondente.


Questo significa che, io privato, dovrò pagare da subito l’ azienda fornitrice dei beni (di infissi, o caldaie, ecc.) tramite bonifico ( quello con la procedura prevista per i recuperi fiscali, come si è sempre fatto ) e una volta terminati i lavori, lo Stato mi rimborserà non facendomi pagare le imposte per un quinto dell’ l’importo corrispondente ai lavori eseguiti per ognuno dei successivi 5 anni. ( se sono dipendente, cio’ avverrà attraverso la mia busta paga.)


Ma se non ho abbastanza imposte da compensare in ognuno di questi anni ?


La parte che ho pagato e che supera le imposte che pago normalmente NON la posso recuperare, a meno che….la ceda a qualcuno che puo’ invece recuperarla. ( cessione del credito )


FACCIAMO UN ESEMPIO:


Marco vuole ristrutturare il suo appartamento in edificio unifamiliare, comprando pompe di calore e cambiando gli infissi. 

Il tecnico gli dice che sicuramente migliorerà di due classi l’efficienza energetica e che sicuramente potrà usufruire dell’ecobonus.


Marco è un lavoratore dipendente e nella sua certificazione unica che il datore di lavoro gli dà ogni anno risulta che le imposte che il datore di lavoro paga per lui sono all’incirca 6500 euro all’anno.

I lavori della casa , dopo vari preventivi, ammontano a 50.000 euro ( tra pompa di calore e infissi ). Marco teoricamente potrebbe detrarsi ben 55.000 euro ( 110% di 50,000) dalle tasse in 5 anni, grazie all ecobonus 110% del 2020, che in 5 anni corrisponderebbero a 11.000 euro all’anno --> 55.000 euro/5 anni.


Ma Marco ha solo 6.500 euro di tasse da recuperare all’anno : quindi in realtà, se non trova un’altra soluzione , oltre a non poter recuperare i 1000 euro all’anno di premio ( il 10% in piu’ della spesa sostenuta come previsto dall’ecobonus), dovrà spendere in totale ben 17.500 euro di tasca sua.


Infatti la differenza tra 10.000 euro ( 100% della spesa sostenuta per ognuno dei 5 anni) e i 6.500 euro di tasse all’anno moltiplicato per 5 anni sarà il suo reale costo ( 50.000-32.500(=6.500*5) = 17.500 euro.


Come fare quindi ?


Sulla base della nuova legge Marco puo’ cedere ad un ente terzo (ad esempio ad una banca) non solo i 32.500 euro che riuscirebbe a recuperare, ma tutti i 50.000 euro, oltre ad una parte del 10% del surplus prevista dall’ecobonus!


Come funziona questa cessione del credito ? chi la fa ? Marco riuscirà davvero a recuperare tutti i soldi ?


Marco si è reso conto che non guadagna a sufficienza per recuperare dalle imposte tutta la spesa delle pompe di calore e degli infissi.


Va dalla sua Banca che gli dice che deve istruire la pratica e che, quando il suo tecnico di fiducia presenterà la certificazione che attesta che i lavori sono conformi ai risultati richiesti dalla legge, e la banca avrà fatto i suoi controlli, gli potrà dare il denaro corrispondente al 102% delle spese presentate ( la differenza con il 110 sarà il compenso della banca).


Per poter ottenere il denaro dalla banca Marco dovrà presentare quindi un documento :


l’Asseverazione da parte del suo tecnico che certifica che i lavori soddisfano i requisiti della legge.


La banca controllerà tutta la documentazione e se andrà tutto bene, acquisterà il credito!



ATTENZIONE PERÒ! 


Parlando con la banca Marco scopre che deve comunque anticipare lui la spesa dei lavori ai fornitori, almeno in parte: la banca gli darà infatti l’importo dell’ecobonus solo dopo che avrà accertato che è tutto in regola, quindi almeno a stato avanzamento lavori terminato.


Tale anticipo puo’ essere finanziato dalla banca , che deve comunque istruire una pratica specifica e su di esso fa pagare gli interessi .


Così facendo Marco puo’ cedere il credito rimanente o interamente alla Banca e SOLO IN QUESTO CASO grazie alla cessione del credito per l’ecobonus 110% 2020, Marco può recuperare interamente quanto speso per i suoi lavori!


IL NOSTRO CONSIGLIO: PRESTATE ATTENZIONE!


Visto l’alto numero di documenti necessari e complessi, vi consigliamo di rivolgervi a tecnici o professionisti qualificati


Sbagliare un documento potrebbe regalarvi spiacevoli sorprese in futuro!


E se i lavori che dovete fare, comprendono anche gli infissi, acquistandoli con Legno Service & Art abbiamo la possibilità di affidarci ad una nostra rete di professionisti come : commercialisti, tecnici qualificati che si occuperanno per voi di tutte le pratiche burocratiche per accedere all’ Ecobonus 110% ! 


Ti interessa avere maggiori informazioni ?!


CONTATTACI per avere informazioni e preventivi su ECOBONUS 110% per i vostri infissi e disbrigo delle pratiche !

Icona FacebookCondividi su Facebook

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Utilizziamo anche cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le preferenze manifestate nel corso della navigazione. Cliccando su "Accetto", presti il consenso all’uso dei cookie. Consulta la nostra cookie policy

Preferenze

Preferenze cookie


Necessari per il corretto funzionamento del sito web. In assenza di tali cookie, il sito potrebbe non funzionare correttamente. Utilizzati per raccogliere informazioni in forma anonima e/o aggregata sull’attività degli utenti nel nostro sito. Utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, in linea con le preferenze manifestate. Annulla

Legno Service & Art
Porte e finestre online

Richiedi un preventivo per le tue nuove porte e finestre da CASA!

O prenota la tua visita in show-room dal 18 maggio in tutta sicurezza!

In questo momento difficile, abbiamo tutti voglia di ripartire, ma in sicurezza. Per questo abbiamo deciso di reinventarci per esserci per voi anche a distanza!

Prenota ora, ti richiamiamo noi clicca qui Info e prenotazioni 3935624278 scrivi su WhatsApp

Prima di tutto la sicurezza

In questo momento difficile vogliamo esserci per voi e per ripartire tutti insieme.

Fissa un appuntamento per un preventivo online gratuito!

O prenota la tua visita in showroom dal 18 maggio in tutta sicurezza!